jr-logo-ssi-top
left_top_news_media

Commentary and Editorial

rss_icon_14Get RSS for this page now!  Sign up via My Sea Shepherd

Stampa E-mail
Giovedì 05 Marzo 2015 10:06

78 giorni di inseguimento: aggiornamento su Operazione Icefish

editorial-150305-1-150214-JW-sid-peter-net-behind-1587-1000wI leader di Operazione Icefish, i Capitani Sid Chakravarty e Peter Hammarstedt, davanti a una parte dei 72 km di reti da posta illegali abbandonati dalla Thunder. Foto: Sea Shepherd/Jeff WirthCommento del Capitano Paul Watson 
Dove, oh, dove sarà mai diretta la Thunder? E’ il 78° giorno di inseguimento della nave bracconiera di merluzzo dell’Antartico (Dissostichus spp., nota di traduzione) da parte della nave di Sea Shepherd, Bob Barker. Le due imbarcazioni si trovano ora a 38° 21’ sud e 037° 38’ est. I bracconieri aumentano la loro velocità e poi rimangono alla deriva. Si dirigono a est e poi ancora a ovest per poi rimanere nuovamente alla deriva. L’intento è ovvio: stanno cercando di resistere più a lungo della Bob Barker, ma il Capitano Peter Hammarstedt e il suo equipaggio non accennano a desistere.


Nel frattempo il Capitano Sid Chakravarty ha incontrato i funzionari dell’Interpol per la consegna del materiale probatorio delle attività di bracconaggio della Thunder, vale a dire i 72 kilometri di rete da posta che la nave bracconiera ha abbandonato quando ha iniziato la fuga dalla Bob Barker il 17 Dicembre 2014.
La Austral Fisheries (compagnia di pesca commerciale australiana, nota di traduzione) ha elogiato Sea Shepherd e i governi dell’Australia e della Nuova Zelanda per aver agito contro queste operazioni illegali.
Alcuni membri dell’equipaggio hanno lasciato la nave di Sea Shepherd, Sam Simon, per ritornare a casa dopo mesi di servizio reso alle campagne e sono stati sostituiti da nuovi membri giunti a Mauritius.
editorial-150305-1-150219-JW-Thunder-echo-close-1998-1000w Un ufficiale col volto coperto ispeziona il ponte della Thunder mentre un gommone di Sea Shepherd si avvicina alla nave. Foto: Sea Shepherd/Jeff WirthNon appena la Sam Simon avrà completato le indagini con l’Interpol a Mauritius, farà ritorno in mare per fornire assistenza alla Bob Barker.
Operazione Icefish è riuscita con successo a smascherare le operazioni di questi bracconieri e ha svelato i legami che li collegano alle compagnie di pesca spagnole. La Thunder ha perso le reti, il bottino e i profitti dell’intera stagione e dovrà affrontare le accuse a suo carico in qualunque porto sarà obbligata ad andare una volta esauriti il carburante e i viveri.
Questo è il più lungo inseguimento di una nave bracconiera della storia marittima, avendo superato quello ad opera della dogana australiana che nel 2003 inseguì una nave bracconiera uruguaiana per 21 giorni.
Traduzione a cura di Giovanni Nuccio

 

article_separator_650x1

Sea Shepherd welcomes your support. To support our
conservation work, please visit our donation page.


Sea Shepherd Italia Onlus
Via Rosso di San Secondo,7 - 20134 Milano - Italy
contatto@seashepherd.it

All contents copyright ©2017 Sea Shepherd Global
Hosting and other web services donated by Telemar Spa