jr-logo-ssi-top
left_top_news_media

Sea Shepherd Newsrss_icon_20

Stampa E-mail
Venerdì 15 Luglio 2016 13:40

Sea Shepherd lancia una campagna per investigare il settore del salmone d'allevamento.

La biologa Alexandra Morton e l’attrice/attivista Pamela Anderson parleranno alla conferenza stampa del 18 luglio.

000Schermata 2016-07-23 alle 14.42.01

Sea Shepherd Conservation Society ha instaurato una collaborazione con la celebre biologa canadese Alexandra Morton e con l'attrice/attivista Pamela Anderson per Operazione Virus Hunter, una nuova campagna di indagare sulla legittimità dell'allevamento del salmone nella British Columbia.

L'annuncio arriva contemporaneamente alla diramazione da parte di Sea Shepherd del suo più recente annuncio di servizio pubblico sui pericoli del consumo di salmone d'allevamento. L’annuncio è fatto dalla Anderson, canadese nativa della British Columbia, altresì Presidente del Consiglio Direttivo dell’organizzazione no-profit.

La Morton e la Anderson, insieme a David Suzuki, ambientalista di spicco, saranno tra i presenti che annunceranno il lancio della campagna in una conferenza stampa presso Autorità Portuale di False Creek, lunedi 18 luglio alle 13:00. (Seguono indirizzo e dettagli inerenti il parcheggio).

Operazione Virus Hunter, che inizia questo mese a Vancouver, vedrà la Morton viaggiare a bordo della nave di Sea Shepherd Martin Sheen, per diverse settimane al fine di tracciare la principale rotta migratoria del salmone che si estende da Vancouver sulla terraferma all'estremità nord dell'isola di Vancouver.

Lungo il percorso la Martin Sheen si fermerà a diversi allevamenti di salmone per condurre controlli per le malattie e altri fattori, che saranno effettuati in modo non aggressivo e in maniera tale da non creare disturbo.

"Il settore dell'allevamento del salmone vive in segretezza, nascondendo le sue attività dalla vista del pubblico", ha detto la Morton. "Operazione Virus Hunter punterà un riflettore dalla luce brillante su questo settore. Il Canada non può affermare di proteggere gli oceani, tra cui il salmone selvatico, mentre allo stesso tempo permette al settore del salmone d'allevamento di scaricare rifiuti sulla più grande rotta migratoria al mondo del salmone.

La Anderson ha aggiunto: "Gli allevamenti di salmone hanno recinti collocati recinti nell’oceano, in essi i pesci nuotano nelle proprie feci, e malattie tipiche della razza, insieme ai pidocchi di mare, uccidono il salmone selvatico, minacciando la capacità delle orche di alimentarsi."

Oltre alla Morton e alla Anderson durante la conferenza stampa del 18 luglio saranno presenti anche il Capitano di Sea Shepherd, Oona Layolle e il Capo Ernie Crey, leader delle Prime Nazioni.

"Novantaquattro Nazioni del fiume Fraser considerano il salmone selvatico essenziale per la definizione di chi sono e hanno per questo lavorato per proteggere queste popolazioni per migliaia di anni", ha detto Crey. "La recente diminuzione del salmone è una minaccia per la nostra esistenza e riteniamo gli allevamenti di salmone uno dei colpevoli. Il Dipartimento della Pesca e degli Oceani pone di continuo gli allevatori di salmone stranieri al di sopra di noi e dei nostri diritti. Chiediamo che al salmone selvatico possa essere permesso di transitare in questo fiume, al sicuro delle infezioni dovute alle malattie dei salmoni di allevamento. "

Il fondatore di Sea Shepherd, Paul Watson, ha dichiarato: "È molto soddisfacente per me personalmente poter inviare una delle nostre imbarcazioni nella provincia che considero casa mia, la British Columbia, per affrontare una delle minacce più insidiose per la biodiversità della costa occidentale: gli allevamenti di salmone. La nostra missione è di indagare, documentare e puntare i riflettori su un settore che sta diffondendo malattie, parassiti e distruggendo l'habitat naturale dei nostri salmoni selvatici: il salmone argentato, il salmone rosso e il salmone reale. I salmoni esotici dell’Atlantico semplicemente non devono stare in queste acque”.

Traduzione a cura di Paolo Costante

 

 

article_separator_650x1

Sea Shepherd welcomes your support. To support our
conservation work, please visit our donation page.


Sea Shepherd Italia Onlus
Via Rosso di San Secondo,7 - 20134 Milano - Italy
contatto@seashepherd.it

All contents copyright ©2017 Sea Shepherd Global
Hosting and other web services donated by EStreet