jr-logo-ssi-top
left_top_news_media

Sea Shepherd Newsrss_icon_20

Stampa E-mail
Giovedì 28 Luglio 2016 06:54

Sea Shepherd prepara un'azione legale contro la Danimarca, dopo che il sangue è stato nuovamente versato sulle rive delle Isole Faroe


È stato versato ancora sangue sulle coste delle Isole Faroe, danesi, nella seconda grindadráp (grind) dell'anno, nello stesso villaggio in cui ben 43 globicefali sono stati massacrati solo tre settimane fa.

Alle 16 circa di ieri è stato avvistato dagli abitanti del luogo, sull'isola di Viðoy, un branco che poteva contare fino a 200 globicefali. Gli animali sono stati inseguiti da 25 barche per oltre due ore, fino alla spiaggia di Hvannasund, dove sono state uccise 120 cetacei. Hvannasund è una delle 23 spiagge delle Isole Faroe “deputate alle uccisioni”, sulle quali è consentito massacrare globicefali e altri delfini.



"Cacciare globicefali è illegale. È illegale in Europa, è illegale in Danimarca, quindi è illegale nelle Isole Faroe. La Danimarca afferma che spetti alle Isole Faroe decidere di fermare o meno la caccia ai cetacei, ma ciò non è vero." ha detto Liesbeth Zegveld, avvocato di Sea Shepherd. "Le Isole Faroe sono territorio danese e i cittadini delle Faroe sono cittadini danesi. Le Isole Faroe non sono uno Stato federale della Danimarca. Godono soltanto di uno status autonomo, consentito dalla legislazione danese, che può essere abrogato e modificato dalla Danimarca".

"Siamo attualmente nella fase di intraprendere azioni legali per portare il Regno di Danimarca davanti alla Commissione Europea e ai tribunali danesi." ha dichiarato Geert Vons, Leader della campagna Bloody Fjords e Coordinatore Nazionale di Sea Shepherd Olanda. "Le Isole Faroe non possono applicare le proprie leggi, che proteggono la pratica della mattanza dei globicefali, senza avere l'appoggio attivo e il sostegno della polizia e delle forze militari danesi. È il sangue a legare la Danimarca alle Isole Faroe".

Sea Shepherd è in prima linea nell'opposizione alla grindadráp dal 1983. La campagna in difesa dei globicefali del 2016, Operazione Bloody Fjords, vede Sea Shepherd portare la sua battaglia contro la grindadráp al cuore delle istituzioni feringe e danesi, che continuano a promuovere questa pratica obsoleta.

Traduzione a cura di Mario quark Di Bacco.

 

 

article_separator_650x1

Sea Shepherd welcomes your support. To support our
conservation work, please visit our donation page.


Sea Shepherd Italia Onlus
Via Rosso di San Secondo,7 - 20134 Milano - Italy
contatto@seashepherd.it

All contents copyright ©2017 Sea Shepherd Global
Hosting and other web services donated by EStreet